Gli italiani e i fondi comuni di investimento

Gli italiani e i fondi comuni di investimento

Guardando alle statistiche degli ultimi anni, agli italiani piacciono i fondi comuni di investimento. Mediamente sono soggetti over 55-60 anni che investono in questi particolari prodotti finanziari, in particolare uomini, anche se negli ultimi anni il numero di donne che investe in fondi comuni è in costante aumento.

Stiamo parlando di investimenti effettivamente abbastanza vari, in quanto ogni specifico fondo si prefigge diversi scopi, con rischio che va da minimo fino a medio o alto.

Perché agli italiani piacciono i fondi comuni

Effettivamente i fondi comuni sono un tipo di investimento che da sempre piace agli italiani. È vero però che internet ha di certo modificato, in positivo, il numero di investitori attivi nel nostro Paese.

Del resto tramite internet non solo è possibile sottoscrivere quote di un fondo, ma anche trovare elenchi dei migliori fondi investimento e notizie che permettono anche a chi non ha mai investito di comprendere meglio di cosa si tratta.

È importante anche notare che spesso sono le persone di una certa età a prediligere i fondi comuni, perché sono considerati più sicuri rispetto ad altre forme di investimento. Nella realtà questo tipo di distinzione non ha molto senso, visto che molto dipende dalle caratteristiche del singolo fondo.

Come scegliere un fondo di investimento

Il modo migliore per scegliere un fondo di investimento del quale acquistare delle quote è quello di informarsi a dovere. Sotto questo punto di vista internet ci agevola in maniera impensabile in passato. Nonostante questo sono soprattutto gli over 65 a preferire questo tipo di investimento, forse anche perché spesso i consulenti finanziari suggeriscono proprio a questa fascia di età prodotti finanziari di questo genere.

Nella scelta è importante comunque considerare il tipo di investimento dichiarato dal singolo fondo. Non tutti infatti sanno che ogni singola società di gestione di un fondo o di un SICAV rende pubbliche le proprie intenzioni di investimento, è quindi possibile sapere dove il singolo fondo inserirà i capitali raccolti durante l’anno.

Le dichiarazioni sono più o meno precise a seconda del fondo cui ci si riferisce. Ci sono infatti società che dichiarano di investire in uno specifico mercato, mentre altre dichiarano di investire parte del capitale a disposizione in titoli azionari di una singola area geografica.

Che siano più o meno palesi, questo tipo di intenzioni di investimento permettono all’investitore di “misurare” il rischio offerto dal singolo fondo, sono quindi informazioni essenziali per determinare la scelta.

Perché si investe

Oltre alle informazioni che riguardano i fondi in cui è possibile investire, solitamente l’italiano medio che investe tende a considerare anche quali sono le sue personali intenzioni, che desidera portare a buon fine proprio grazie all’investimento.

Che si investa per avere capitali per la nuova casa, per garantirsi una vecchiaia spensierata o per pagare le tasse universitarie dei figli oggi ancora piccoli, in base all’obbiettivo posto il comportamento dell’investitore si modifica in modo sostanziale. Anche per quanto riguarda la soglia di rischio che si è pronti a correre.

Share this post

Post Comment