Assicurazioni e 730, le novità del 2016

Assicurazioni e 730, le novità del 2016

Nessuno se ne preoccupa durante tutto l’anno ma quando arriva il momento di presentare la dichiarazione dei redditi, tutti si mettono alla ricerca di scontrini ormai sbiaditi, spese mediche ed eventuali pagamenti da scaricare.

Molte possibilità e, soprattutto, novità sono ai più sconosciuti e così, si finisce per trascorrere ore e ore dal commercialista per capire cosa bisogna consegnare e cosa no. Fino a qualche tempo fa, uno dei tagliandi da tenere da parte in vista del 730 era sicuramente quello dell’assicurazione, del resto i costi di manutenzione di auto e moto sono da sempre molto elevati e recuperare qualcosina non è mai dispiaciuto a nessuno.

Come per molte altre normative, anche quella relativa all’assicurazione auto e al 730 è stata sensibilmente modificata e da quest’anno non è più possibile detrarre i costi dell’Rca dalla dichiarazione dei redditi. Nessuna delle voci di spesa relative alle assicurazioni auto e moto è in alcun modo detraibile con il 730, in primis le imposte statali e, solo di recente, la quota spettante al SSN (Servizio Sanitario Nazionale) destinata ai risarcimenti delle vittime della strada.

In seguito all’applicazione del Decreto legge 102/2013 infatti, è stata eliminata – già dalla dichiarazione dei redditi 2015 – la deducibilità della quota dovuta al Servizio Sanitario (poteva essere scalata la parte di contributo che superava le 40 euro), compresa a tutti gli effetti nel costo totale assicurazione macchina, mentre le tasse statali non sono mai state deducibili.

Non è certo di una buona notizia che si tratta dato che le tasse dovute allo Stato possono costituire dal 12,5 al 16% del premio in base alla Provincia di residenza, con un notevole svantaggio economico per chi vive in Province nella quali la quota è fissata in percentuali più alte.

Non resta dunque che scegliere l’assicurazione più vantaggiosa: fermo restando che auto e moto hanno prezzi diversi da Nord a Sud Italia e che non si può tagliare il costo dell’assicurazione macchina dal 730, bisogna tener conto del fatto che, come sottolineato, le imposte statali comprese nel premio assicurativo sono più o meno costose in base al luogo di residenza.

In base a questa informazione, si può affermare che chi trova una polizza alla tariffa più bassa Rca base, potrà risparmiare nonostante l’applicazione delle tasse. Si possono invece scaricare, per esempio le assicurazioni sulla vita ma fino ad una soglia massima di 530 euro.

 

Share this post

Post Comment